il festival oltreconfine



camminando
lungo i confini

Ricostruzione significa incontro.
Le mani che si intrecciano, gli spazi che si condividono, la voglia di raccontare e di ascoltare. Nello sguardo dell’altro, ritroviamo qualcosa di ciò che abbiamo perso per strada e che, insieme, potremo forse ritrovare, in una nuova voce polifonica, più forte e più vera.
Oltreconfine festival nasce sotto il segno di questo incontro, e arriva quest’anno alla sua ottava edizione con la consapevolezza che nelle tempeste sopravvive chi conosce il valore della cura. Che in ogni tormenta bisogna ricordarsi che le nubi possono essere delle ali.

Ci ritroviamo dopo le emergenze pandemiche e nel mezzo di un drammatico conflitto con nuove sfide davanti, coscienti che leggere, informarsi, scambiarsi idee e opinioni sia oggi più che mai fondamentale per orientarsi in un’epoca piena di quesiti che arrivano ad interrogare anche la nostra vita di tutti i giorni.
Le sorprese saranno molte, e le scopriremo insieme. Da aprile fino al termine di giugno la nuova edizione del festival ospiterà come da consuetudine la migliore letteratura nazionale, ma anche molto giornalismo, accanto alla divulgazione scientifica e alle arti: condivideremo con voi il nucleo incandescente di questa parola, “ricostruzione”, che per le donne e gli uomini della nostra associazione significa anzitutto crescita.
Una crescita che, come sempre, vogliamo declinare al plurale, in un “noi” che abbraccerà un intero territorio.

otto anni di oltreconfine

guarda le precedenti edizioni >

comune di
angolo terme

comune di
breno

comune di
borno

comune di
capo di ponte

comune di
cividate camuno

comune di
cedegolo

comune di
costa volpino

comune di
darfo boario
terme

comune di
gianico

comune di
paspardo

comune di
pian camuno

comune di
pisogne

sponsor